PROGRAMMA

  • Home
  • /
  • Il programma elettorale

Il programma elettorale

Questo programma raccoglie le nostre idee per governare Follonica e comprende il contributo di tutti i cittadini che hanno accolto l'invito a partecipare alla costruzione di un progetto per la nostra citta'. Qui non troverete un punto dedicato espressamente alle politiche giovanili: crediamo che i giovani non siano una categoria da proteggere, ne' che rappresentino solo il futuro di Follonica. I giovani sono soprattutto il presente della nostra citta', ed e' ingiusto che si continui a calare su di loro decisioni prese senza ascoltarli veramente. Vogliamo che la nostra sia l'amministrazione di tutti, e che tutti possano partecipare con il proprio contributo alle decisioni che li riguardano. Per questo, fin dalla campagna elettorale, e' partita una serie di incontri con i concittadini per ascoltarne le istanze e costruire insieme il programma di governo.
1 - La partecipazione / il massimo della partecipazione!
Il bene comune e la partecipazione sono i cardini che devono guidare l'azione amministrativa. Per questo l'amministrazione comunale si propone di coinvolgere il più possibile i cittadini, per l'intera durata del mandato, nelle decisioni prese nell'interesse collettivo.

Il sindaco si impegna a organizzare almeno un incontro pubblico al mese nei quartieri, a rotazione, con la partecipazione dello stesso primo cittadino e dei componenti la giunta, per ascoltare le istanze e le proposte dei follonichesi, in modo da indirizzare con più efficacia l'azione
amministrativa verso le esigenze manifestate da residenti e turisti.

L'amministrazione comunale istituirà un osservatorio permanente aperto alle associazioni di categoria e ai sindacati, per concertare la definizione e l'attuazione delle misure che coinvolgono i vari comparti economici.
Nelle commissioni consiliari convocate per argomenti di rilevante interesse pubblico, per iniziativa del presidente, sarà dato diritto di parola ai cittadini che vorranno partecipare.

L'amministrazione comunale favorirà il ricorso al referendum popolare consultivo in materie di rilevante interesse pubblico.

L'amministrazione intende dare concreta attuazione all'articolo 43 dello Statuto comunale, “Il bilancio partecipativo”, riconoscendo a un'assemblea pubblica appositamente convocata il potere di decidere su una quota del bilancio di previsione e sulla sua destinazione.

Le scuole cittadine di ogni ordine e grado saranno coinvolte nella vita civica: il sindaco e gli assessori si impegnano a invitare studenti e docenti a partecipare alle sedute del Consiglio comunale e delle commissioni consiliari, in modo da presentare proposte di atti la cui realizzazione sarà poi valutata dall'amministrazione comunale.
La trasparenza dell'attività amministrativa sarà assicurata anche dal massimo impiego dei mezzi tecnologici a disposizione: sviluppo del sito web istituzionale, social media, newsletter.

2 - L'immagine / un'immagine al massimo!

Follonica merita un'immagine di località turistica rinomata a livello nazionale e internazionale, mai consolidata dopo troppi anni di carenze strategiche e programmatiche, aggravate da un impegno incostante nella cura del decoro urbano. Immagine che va curata in ogni ambito, da quello locale a quello globale. L'obiettivo è quello di restituire al nostro Comune quella bellezza che gli permetta di essere piacevolmente abitato e visitato, riorganizzando e mantenendo in buono stato le opere esistenti, abbandonate per l'incuria causata dall'amministrazione uscente.

Il primo passo è il recupero della bellezza urbana, grazie ad azioni mirate e costanti rivolte al mantenimento e alla riqualificazione del decoro cittadino, con la cura delle aree verdi, la manutenzione di strade e marciapiedi, il miglioramento del sistema di pubblica illuminazione, lo studio e l'installazione di una nuova cartellonistica informativa e il mantenimento della diffusione della musica nel centro cittadino per tutto l'anno. Sarà fondamentale anche la collaborazione degli operatori commerciali, da coinvolgere tramite uno stretto rapporto con le associazioni di categoria: è opportuno assicurare agevolazioni fiscali per incentivare la cura dell'immagine delle singole attività cittadine. Creare un'immagine-identità ben definita di Follonica, superando il senso di trascuratezza che troppo spesso si avverte: indurrà residenti e turisti a mantenere il decoro urbano con i loro comportamenti.

La città deve presentarsi sempre accogliente, sicura e pulita.

Serviranno anche azioni straordinarie, come la progettazione e la realizzazione di una nuova immagine degli accessi alla città, sempre ben illuminati: ogni ingresso a Follonica diventerà un portale, grazie all'arredo delle rotatorie con il verde e l'installazione di un simbolo di Follonica (ad esempio un manufatto in ghisa, una barca a vela, un aratro) all'interno di ogni rondò. Altre rotatorie cittadine potranno essere abbellite con manufatti carnevaleschi, per valorizzare un'altra eccellenza cittadina.

L'immagine nazionale e internazionale di Follonica, indispensabile a recitare un ruolo fondamentale nel mercato turistico cruciale per l'economia cittadina, passa attraverso una massiccia promozione web, la partecipazione alle principali fiere e manifestazioni del settore e l'accordo con i principali tour operator. Per questo sono indispensabili lo studio, la creazione, la realizzazione e il lancio di un marchio (brand) che identifichi Follonica ovunque. Un ruolo di Follonica come località turistica di primo piano favorirà anche la scelta della città per eventi dei più noti artisti, in tutti i mesi dell'anno e non solo nel periodo estivo.


3 - La sicurezza / il massimo della sicurezza!

La paura della criminalità influenza le abitudini dei cittadini. E una delle premesse per combattere con efficacia la criminalità e la microcriminalità è garantire una città viva e libera dal degrado. Ma non basta. L'amministrazione comunale deve svolgere in maniera efficace il controllo e la supervisione di tutte le competenze in materia di sicurezza in capo all'ente, istituendo per questo un assessorato ad hoc, dotato di tutti i mezzi necessari per attuare efficaci politiche di intervento.

Tra i primi provvedimenti – sul modello del capoluogo Grosseto, che in questo ambito ha già ottenuto risultati incoraggianti – ci saranno il potenziamento del sistema Targamanent (già in funzione anche a Follonica, consiste in un circuito di telecamere in grado di leggere e riconoscere le targhe all'ingresso e all'uscita del centro abitato) e l'introduzione del sistema Targasystem (permette, tramite lo stesso circuito di telecamere, di controllare la regolarità delle revisioni e delle assicurazioni delle automobili, e può essere impiegato anche come strumento di prevenzione e di indagine). Più in generale, il sistema di videosorveglianza dovrà essere potenziato in modo da coprire tutti i punti sensibili della città e reso funzionante h24.

Una città come Follonica necessita di un potenziamento delle forze di polizia locali e nazionali per garantire la sicurezza delle persone fisiche e delle proprietà, in forte sinergia tra loro, per assicurare un presidio costante: oltre a sostenere la richiesta dell'istituzione di un Commissariato di Polizia, l'amministrazione considererà una priorità l'incremento dell'organico del corpo della Polizia municipale – attualmente insufficiente in rapporto al numero degli abitanti – per tutto l'anno e non solo per i mesi estivi, potenziando la figura del vigile di quartiere. È inoltre fondamentale dotare la Polizia municipale di strumenti tecnologici (ad esempio, droni) per un controllo ancor più capillare del territorio. Sempre in collaborazione con le Forze dell'ordine, sarà impegno dell'amministrazione comunale intervenire con fermezza su tutte le forme di accattonaggio molesto, soprattutto nei casi in cui vengono coinvolti i minori e gli animali. La nuova amministrazione comunale intensificherà i controlli per eliminare il fenomeno dei venditori abusivi sulle spiagge, che di anno in anno aumentano sempre di piuÌ€. L’amministrazione si impegnerà anche a liberare i parcheggi cittadini dalla presenza dei parcheggiatori abusivi, ripristinando lo stato di legalitaÌ€ e di sicurezza che Follonica merita. Saranno applicate le leggi vigenti anche per chi circola con la bicicletta priva di illuminazione nelle ore notturne, perdipiù in strade anche di intenso traffico: un vero problema di sicurezza stradale. Per garantire una maggiore vigilanza nelle ore notturne, in particolare nelle aree più a rischio di furti e microcriminalità in genere, come la zona artigianale da troppo tempo abbandonata e preda del degrado, l'amministrazione comunale potrà stipulare accordi con Istituti di vigilanza privati, da utilizzare nelle ore in cui gli agenti della Municipale non sono in servizio. Particolare attenzione verrà prestata al funzionamento e all'efficacia della pubblica illuminazione, per evitare lo sviluppo di aree dove sia più facile il proliferare della criminalità. Inoltre l'amministrazione comunale auspica che i cittadini partecipino attivamente alla tutela sociale del proprio gruppo di appartenenza, appoggiando senza riserve le strutture e gli strumenti operativi e suggerendo alle Forze dell'ordine le situazioni che rappresentano un pericolo per se stessi e per gli altri, fino a intervenire – con i mezzi concessi dalla legge – in caso di necessità. Più in generale all'ente comunale – a partire dal sindaco – è affidata dalla normativa in vigore una responsabilità e capacità operativa di grande rilievo al fine di garantire la sicurezza del gruppo sociale che governa: una sicurezza che non si esprime solo in termini di sicurezza fisica del cittadino e del suo nucleo familiare, ma anche in quelle forme d’intervento economico e di tutela dei più deboli, di vigilanza nel contesto delle aree di lavoro, di adeguato sviluppo culturale, di un attento ed energico sostegno ai malati e agli abbandonati. L'ordine sociale, infatti, si garantisce anche superando tutte quelle sofferenze sociali, morali ed economiche che altrimenti lo minerebbero, deviando il benessere verso un malessere diffuso che inevitabilmente sfocia in manifestazioni delittuose. E il Comune ha svariate possibilità di intervento anche grazie al coordinamento delle Forze dell'ordine operative sul territorio assicurato tramite il Comitato per la sicurezza e l'ordine pubblico. Anche alcune strutture di volontariato, adeguatamente e opportunamente coordinate e sostenute, possono diventare un eccellente strumento di sostegno per le aree sociali in sofferenza, sensibilizzando la cittadinanza affinché diventi protagonista nelle azioni per la tutela della sicurezza. Lo svolgimento di servizi congiunti tra la Polizia municipale e le altre Forze dell'ordine servirà anche a potenziare le attività di controllo e prevenzione e ad operare per la difesa dei cittadini in merito alle varie forme di truffa, intimidazione o raggiro. Sarà potenziato anche il controllo alla stazione ferroviaria, luogo fondamentale di immagine e di transito.

Una delle priorità dell'amministrazione comunale sarà anche la revisione del Piano di protezione civile: quello esistente è superato. A questo proposito è indispensabile la realizzazione di un sovrappasso ferroviario tra l'area artigianale e via della Pace.


4 - Il turismo e il mare / un turismo al massimo!

Autorevoli studi a livello nazionale e internazionale – oltre che il buon senso – dimostrano che un'economia turistica basata in gran parte sulle seconde case è destinata a fallire, provocando il declino della località. Un rischio che Follonica sta correndo: le presenze anno dopo anno si mantengono più o meno costanti, ma lontane dai vertici toccati da altre località che possono contare su un territorio sicuramente meno attrattivo, e questo significa che la nostra città non sa far fruttare come merita le proprie bellezze naturali. Il modello turistico follonichese, così come l'abbiamo conosciuto finora, ha fatto il suo tempo e non è più efficace. Per questo la politica della nuova amministrazione comunale sarà favorire spazi per gli insediamenti alberghieri (anche al di là della strada provinciale Aurelia) e non più residenziali-turistici. E in particolare, accanto alle strutture già esistenti, le grandi catene alberghiere di livello almeno europeo: questo porterebbe una serie di vantaggi, come il poter usufruire delle operazioni di incoming turistico assicurate dalle stesse catene, dai rapporti con i tour operator alle varie forme di promozione, e la creazione di un gran numero di posti di lavoro. La concorrenza, inoltre, secondo la logica del mercato, contribuirebbe all'innalzamento della qualità, a tutto vantaggio dell'immagine di Follonica. Così un turnover turistico sarebbe assicurato per almeno sette-otto mesi all'anno.

Tutto questo senza trascurare il mercato degli affitti stagionali: l'amministrazione comunale si impegnerà a mettere a punto un sistema di valutazione e di agevolazioni che premino i proprietari degli immobili che mettono sul mercato appartamenti che rispettano determinati standard di qualità. A tutto vantaggio della qualità dell'accoglienza, determinante per conquistare e fidelizzare i turisti.

Per garantire sviluppo, insomma, occorrono le strutture. Ma non solo. Anche il Comune deve fare la sua parte, con una politica incisiva di promozione turistica, potenziando gli strumenti di accoglienza (Infopoint Pro Loco), realizzabili anche nella zona paronamica del golfo in prossimità della Statale Aurelia, e di marketing (è indispensabile una massiccia campagna promozionale sui portali turistici locali (ad esempio quimaremmatoscana.it) di tutta Europa, così come la partecipazione a fiere e workshop di settore con uno stand del Comune. Occorre un serio piano pluriennale di marketing, coinvolgendo anche gli altri Comuni del comprensorio, secondo le direttive della Regione Toscana.

Di più: Follonica deve specializzarsi nel settore della ricettività, diventando sede – in mancanza di una vera e propria scuola alberghiera – di corsi di qualificazione professionale per il settore della ricettività, assicurando sgravi fiscali agli imprenditori che poi assumeranno gli addetti che hanno frequentato i corsi.

Follonica, come capofila Otd (Osservatorio turistico di destinazione), deve favorire la collaborazione con i Comuni vicini per promuovere il territorio nel suo insieme, esaltando le eccellenze di ciascuno, anziché insistere con politiche autoreferenziali che si affidano all'evento-spot efficace solo nel breve periodo.

Una delle carte vincenti del Golfo, il mare, dev'essere sfruttata in tutta la sua potenzialità sul mercato turistico, puntando sulla nautica: l'amministrazione comunale favorirà la creazione di nuovi attracchi e ormeggi a nord e a sud del litorale, promuovendo manifestazioni nautiche e gare veliche e sostenendo l'attività dei circoli nautici. Saranno predisposti scivoli a mare a uso pubblico per varo e alaggio di barche e gommoni, visto che è sempre più complicato accedere al mare in modo autonomo. Al pontile della Gora sarà attrezzato un punto di partenza e arrivo di mini-crociere nelle acque del Golfo.

Sarà attrezzata un'idonea area verde a pagamento per la sosta di caravan e autocaravan, come completamento e potenziamento dell’offerta turistica, che offra anche zona pic-nic con barbecue, area gioco bambini, bungalow, servizi igienici con docce, recinzione e cancello: questo permetterebbe anche di limitare il parcheggio notturno di camper in cittaÌ€.

Da migliorare anche l'area dedicata ai taxi all'esterno della stazione ferroviaria, dotandola di tutte le strutture (ad esempio, la pensilina) che da troppi anni gli operatori del settore chiedono all'amministrazione comunale per poter svolgere il loro lavoro più efficacemente.


5 - La cultura e lo sport / una cultura al massimo!

Cultura e sport devono essere per Follonica strumenti efficaci di promozione turistica, per incrementare le presenze in città durante tutto l'arco dell'anno.

L'amministrazione comunale si impegna a sostenere quanto più possibile il Carnevale, manifestazione di punta della città, affiancando al meritorio lavoro dei volontari una gestione professionale della kermesse che permetta di sfruttarne appieno le potenzialità. Saranno avviate trattative con imprenditori privati – o approfondite quelle già in essere – per la realizzazione della Cittadella del Carnevale, progetto annunciato da troppi anni ma mai concretizzato: l'amministrazione si impegna a incrementare l'importo annuo attualmente utilizzato per l'affitto dei capannoni nella zona artigianale (sede dei lavori dei carristi) per raggiungere la quantità di risorse economiche necessaria ad acquisire una linea di credito con un istituto bancario. In parallelo, l'amministrazione lavorerà all'istituzione di una Fondazione del Carnevale follonichese, strumento che consentirebbe di intercettare finanziamenti da destinare alla manifestazione.

Il Magma, Museo del ferro e della ghisa, struttura unica, è una vera eccellenza follonichese le cui potenzialità non sono state però valorizzate in pieno: se la struttura è sconosciuta addirittura a tanti follonichesi, logico che non possa attrarre visitatori da altre località, dal resto della Toscana, d'Italia e d'Europa. Anche in questo caso serve una gestione più manageriale, in grado di promuovere il museo nei circuiti internazionali con efficaci campagne marketing.

Da definire meglio anche l'utilizzo della Fonderia 1, finora un contenitore vuoto: oltre agli accordi con la Normale di Pisa per studi e eventi legati all'agroalimentare, annunciati dall'amministrazione comunale uscente, la struttura potrebbe ospitare fiere e manifestazioni, anche come succursale di grandi eventi che si tengono altrove (ad esempio, Lucca Comics). Si imporrà anche una revisione della gestione della Fonderia Leopolda, valutandone i costi e l'affidamento di incarichi e servizi.

La nuova amministrazione comunale si impegna a valorizzare un patrimonio rimasto nella memoria di tutti i follonichesi, Radio Diffusione Follonica, creando un canale web permanente (web radio) e coinvolgendo in particolare giovani appassionati, per garantire un futuro all'iniziativa, il tutto in spazi adeguati. Alla nuova Rdf continuerebbe ad essere affidata la cura di alcuni eventi cittadini.

Sarà prioritario agire per riorganizzare la pianificazione degli eventi: a Follonica, contrariamente a ogni logica di marketing ma solo per assecondare l'andamento dei flussi turistici, la maggior parte degli eventi – anche di livello – viene programmata nel periodo estivo. Un esempio è il Follonica Summer Festival, a cavallo di Ferragosto, unica settimana dell'anno in cui la città è già piena di turisti. Si impone, anche tramite una concertazione con gli operatori e i soggetti interessati, una redistribuzione degli eventi in un arco temporale maggiore, tutti accompagnati da un'adeguata campagna di marketing, in modo da prolungare il periodo di offerta ricettiva. Cruciale anche l'accordo con i Comuni vicini, per non creare sovrapposizioni di grandi eventi.

Follonica vanta una grande tradizione in molte discipline sportive e può contare su un'eccellente dotazione di impianti, ma gli eventi – spesso organizzati con il contributo economico fornito da tante attività ricettive cittadine – non hanno sempre portato ricadute sull'economia locale. Per questo si impone una pianificazione, che parta dall'analisi della gestione e del coordinamento delle società sportive fin qui affidata a Follonica Sport. Il primo passo è restituire all'assessore allo Sport il ruolo che gli compete, superando la figura marginale cui è stato ridotto negli ultimi cinque anni. Lo sport deve tornare a essere un diritto di tutti, uomini e donne di tutte le etaÌ€, combattendo ogni forma di discriminazione o di esclusione, garantendo le pari opportunitaÌ€ di accesso. Oltre alla promozione e alla visibilitaÌ€ delle discipline esistenti, occorre investire nel potenziamento dell’offerta. E la nuova amministrazione promuoveraÌ€ lo sviluppo di discipline e di societaÌ€ sportive in modo da coinvolgere il maggior numero di cittadini, eliminando l’attuale modello del monopolio sportivo che ha causato la perdita di numerosi atleti, andati a praticare gli sport in altre località limitrofe.

È necessaria anche una radicale ristrutturazione degli impianti sportivi, in particolare quelli che hanno sede a Capannino, per permettere ai concessionari di offrire un servizio migliore, il cui utilizzo potrà essere favorito attraverso la nascita di una nuova società sportiva che promuova il nome di Follonica. L'amministrazione comunale sarà parte attiva con controlli e misure adeguate nelle gestioni degli impianti pubblici affidate alle societaÌ€ sportive, tenendo sotto controllo lo stato manutentivo degli impianti e predisponendo un’idonea programmazione sugli interventi. Gli interventi di manutenzione riguarderanno in particolare il Palagolfo, con un miglioramento della distribuzione delle aree interne per facilitare l'organizzazione di tutte le discipline sportive ospiti della struttura.

La nuova amministrazione comunale lavorerà per realizzare una nuova tensostruttura (accanto al Palagolfo) che dia la possibilità – grazie al clima mite – di ampliare l'offerta e organizzare e ospitare eventi vari, in tutte le stagioni dell'anno, che portino presenze in città. Occorre sfruttare la grande dotazione di impianti sportivi esistente a Follonica per portare in città eventi internazionali di grande richiamo, in stretta collaborazione con gli operatori turistici e commerciali. Follonica dovrà diventare la capitale italiana degli sport indoor, visti gli impianti a disposizione. Ma non solo: il turismo sportivo dovrà puntare anche sulla mountain bike – sfruttando le pinete, le colline e le spiagge – e il mare (ad esempio, il triathlon).

L'amministrazione comunale si impegna anche a ripristinare e migliorare il campo da tennis all'interno della pineta di Ponente, in collaborazione con la società sportiva che attualmente gestisce l'impianto, per rendere più decoroso il campo da tennis e i suoi servizi.

Nascerà una piattaforma web, ​Sport Comune​, quale strumento di trasparenza per l'operato comunale, strumento di informazione e di ascolto. SaraÌ€ inoltre un canale di diffusione di tutti gli eventi sportivi che verranno organizzati nel Comune. Un’occasione importante per lo sviluppo locale, sia in termini di incremento dell'offerta turistica che di diffusione fra i ragazzi della cultura della pratica sportiva, che porta anche un importante contributo alla diminuzione del disagio sociale. Il sito sarà trasparente soprattutto in merito all’operato dell'amministrazione, in modo che tutti i cittadini possano vedere il nome dei gestori, i contributi assegnati a ciascuna societaÌ€, le tariffe applicate per ogni disciplina e i relativi bilanci societari.


6 - La viabilita' e i parcheggi / una viabilita' al massimo!

La mancata attuazione del nuovo Piano del traffico urbano è uno dei grandi fallimenti dell'Amministrazione comunale uscente, promesso dalla Giunta ai cittadini come uno dei primi atti che sarebbero stati realizzati nel corso del mandato (promessa mai mantenuta). Ma quello che è ancor più grave è che la stessa Amministrazione Benini ha speso soldi pubblici in incarichi affidati a società specializzate per condurre indagini e ricerche, da utilizzare per poi attuare le modifiche alla viabilità. Nessun progetto è mai diventato realtà. Per questo la nuova Amministrazione comunale si impegna, anche utilizzando i risultati delle ricerche già compiute, a definire e attuare una nuova disciplina della mobilità cittadina. Particolare attenzione sarà dedicata alla revisione delle arterie urbane, con riferimento alla funzione e al senso di marcia di via Bicocchi e via Colombo, due vie di scorrimento centrali, per le quali serve il ripristino della viabilità interrotta. Inoltre via Bovio in direzione via Golino da anni è invivibile per l'enormità di traffico presente in quella zona (sono state raccolte anche tante firme per cambiare qualcosa, senza però ottenere nulla): cambiare questa situazione, e avere anche la possibilità di zone limitate ai residenti, sarebbe di importanza fondamentale per migliorare la vita e salvaguardare la salute dei cittadini. È utile anche un ponte pedonale e ciclabile sul fosso Petraia, in corrispondenza di quello bombardato durante la guerra, di collegamento con via Leopardi (anche in questo caso, anni fa, ci fu una petizione popolare con centinaia di firme, sempre inascoltata): un'opera utile alle tante persone che non hanno l’auto o che vogliono andare a piedi verso i supermercati e verso il cimitero dall’altra parte della ferrovia. La grande sinergia con l'Amministrazione provinciale di Grosseto permetterà di garantire la realizzazione delle rotatorie sulla Vecchia Aurelia, in corrispondenza con gli incroci del bivio Bicocchi e di via Leopardi, a spese dell'ente provinciale. E il Comune di Follonica, attraverso una trattativa con la stessa Provincia, potrebbe entrare in possesso di tutto il tratto della strada provinciale Aurelia che attraversa l'abitato di Follonica, occupandosi poi della manutenzione e dell'arredo urbano: questo cambierà l'immagine della città.

Massima attenzione anche alle aree di sosta: il nuovo Piano parcheggi attende da troppo tempo di essere attuato. E per una città turistica è indispensabile avere una dotazione funzionale di spazi per la sosta. Sarà adibita a parcheggio, debitamente sistemata, l'area attualmente occupata dalla vecchia palestra della scuola nel comprensorio Ilva, una volta liberata con il trasferimento dell'istituto nel nuovo polo scolastico. Nuovi posti auto saranno realizzati anche nell'area attualmente occupata dal rudere del vecchio depuratore (dopo aver demolito e bonificato la struttura) tra l'Ilva e Senzuno, in continuità con il parcheggio già esistente nel quartiere. Anche l'area mercatale al Parco Centrale, cambiandone la destinazione d'uso, sarà utilizzata come parcheggio per le auto in tutti gli altri giorni della settimana, assicurando così un prezioso spazio di sosta nelle vicinanze del centro. Nuove strutture con parcheggi multipiano potranno essere realizzate anche nei terreni lungo la linea ferroviaria, ad esempio via Golino. Particolare attenzione per la zona della chiesa di San Leopoldo: oltre ad essere penalizzata da tanto traffico e inquinamento, attualmente ha le tariffe del parcometro più basse di tutte le altre zone di Follonica e questo fa sì che aumenti la presenza di auto in cerca di sosta. È giusto un allineamento delle tariffe parcometro con le altre zone cittadine.

Nel periodo estivo è comunque prioritario studiare modalità di sosta alternativa per accedere alle porte del centro, allestendo parcheggi scambiatori in periferia (ai tre accessi alla città: Pratoranieri, Rondelli e bivio Bicocchi) e introducendo – tramite un accordo con il gestore del servizio di trasporto pubblico – un servizio di bus navetta verso il centro, almeno nei giorni di maggiore affluenza a luglio e agosto. Sempre per quanto riguarda il trasporto pubblico, è essenziale ricontrattare con Tiemme la tipologia dei mezzi attuali, sostituendoli con bus elettrici più piccoli.

Follonica deve essere pronta ad accogliere anche i turisti che visitano la città a bordo di auto elettriche: la nuova amministrazione comunale si impegna a installare in varie zone del tessuto urbano nuove postazioni di ricarica, intercettando così in anticipo la nuova frontiera del turismo europeo, anche in considerazione del fatto che dal 2030 in poi in tanti Paesi del continente non sarà più possibile immatricolare auto a gasolio o a benzina.

Saranno introdotte anche nuove modalità per il pagamento della sosta e anche delle corse sugli autobus, attraverso App da installare sugli smartphone, già disponibili sul mercato, seguendo esperienze realizzate con successo in località a noi vicine. Serve maggiore chiarezza nelle forme di pagamento per le zone blu, introducendo nuove e diverse modalità di abbonamento più versatili e convenienti, d'accordo con le associazioni di categoria in rappresentanza delle attività commerciali.

Massima attenzione anche alla mobilità dolce: Follonica, data la particolare conformazione del territorio, si presta particolarmente ad usare la bicicletta come mezzo di trasporto. Oltre a razionalizzare i tracciati delle piste ciclabili, la nuova amministrazione si impegna a istituire un servizio di bike sharing con cui prelevare e riconsegnare i mezzi a due ruote in punti diversi della città, anche utilizzando carte prepagate come mezzo di pagamento, ad esempio nell'ambito di una “Carta del turista” da istituire in collaborazione con le attività ricettive e commerciali. La sede del servizio di bike sharing potrebbe trovare spazio nelle vecchie scuderie dell'ippodromo dei Pini, immobili attualmente inutilizzati ai margini del Parco centrale.



7 - Urbanistica e lavori pubblici! / una citta' al massimo!

Il modello cui deve tendere Follonica è quello della smart city, (ri)modellando il tessuto urbano con strategie che puntino all'utilizzo delle nuove tecnologie per il miglioramento della qualità della vita, al servizio delle esigenze dei cittadini. Lo sviluppo territoriale di Follonica deve rispondere alle nuove sfide politico-amministrative e alla necessità di una ripresa economica locale, oggi congestionata e circoscritta sotto la strada provinciale Aurelia. Occorre un nuovo modello generale di sviluppo che interessi tutti i settori dell'economia e dell'amministrazione pubblica, dove si possano cogliere le grandi scommesse per l'innovazione e il rinnovamento della città, in simbiosi completa con il suo territorio e i suoi abitanti, nel rispetto dei vincoli ambientali e dei parchi stabiliti dalla Regione e dalla Provincia. Da questo punto di vista è emblematico il fallimento dell'Amministrazione comunale uscente, che nulla ha fatto per migliorare il patrimonio ricevuto in eredità dalle amministrazioni passate.

A partire dal comprensorio Ilva, area che deve i suoi interventi più significativi (compreso il reperimento delle risorse necessarie a realizzarli) all'operato dell'Amministrazione Saragosa (2004-2009). Negli anni è mancata una reale visione strategica per riportare tutti i cittadini a una vera fruizione della zona, rimasta un microcosmo con pochi gioielli (peraltro sottoutilizzati e male valorizzati) persi in un universo di abbandono e degrado. Occorre creare le condizioni per poter investire. È mancata anche l'attenzione agli interventi minimi: per questo la nuova Amministrazione comunale si impegna a stanziare fin da subito la cifra necessaria (poche decine di migliaia di euro) a realizzare una pavimentazione nell'area del parcheggio antistante la Fonderia Leopolda, per restituire almeno un minimo di dignità a una porzione di città ancora abbandonata. Da valutare anche la possibilità di abbattere le mura antistanti la chiesa di San Leopoldo, per aprire finalmente l'Ilva alla città. Nuova destinazione anche per la Torre del vento-Casa del carbone, accanto alla Fonderia Leopolda: diventerà un albergo di proprietà comunale, da affidare in concessione a privati. Nell'ex Officina cilindri, negli spazi prima occupati dall'università, sorgerà una Scuola di alta formazione per i servizi turistici.

La vecchia Colonia marina è un'altra ferita aperta della città, da sanare nel più breve tempo possibile per scongiurare il rischio di ritrovarsi con un mucchio di macerie pubbliche, del tutto inservibili: la strada prioritaria da seguire è quella del mantenimento della proprietà pubblica con l'affidamento della struttura in concessione pluriennale a imprenditori privati, che la ristrutturino per realizzarvi un'attività. La destinazione sarà valutata in base alle implicazioni sull'economia cittadina: le opzioni vanno dalla struttura ricettiva alla struttura sanitaria. Parte del denaro ricavato dall'operazione dovrà essere investito nella ristrutturazione delle vecchie scuole medie dell'Ilva, destinate a essere la Casa delle associazioni.

Il caso ippodromo è un'altra delle scomode eredità lasciate dalle amministrazioni di sinistra che si sono succedute al governo di Follonica: un progetto sbagliato fin dall'origine, che ha sempre trovato l'unanime contrarietà – alle condizioni proposte – di tutte le forze politiche di minoranza. Il risultato che oggi ci ritroviamo sotto gli occhi è un'infinita querelle giudiziaria, un patrimonio immobiliare inutilizzato e una mega-struttura sportiva che non funziona come dovrebbe e ovviamente risente della crisi italiana del settore. Responsabilmente, nessuna strategia in materia può essere seriamente avanzata prima di aver preso conoscenza in modo adeguato di tutti gli atti dell'iter processuale. In ogni caso, la gestione della struttura non potrà che essere privata: è indispensabile però garantire al Comune di Follonica un ruolo attivo, finalizzato a un piuÌ€ ampio e diversificato utilizzo dell'impianto, nell'ottica di una maggiore integrazione nel territorio. Le criticitaÌ€ esistenti in seguito alla crisi dell’intero comparto ippico, infatti, sono legate alla convenzione attualmente in essere tra l’amministrazione comunale e il concessionario, che non prevede la possibilitaÌ€ di poter esercitare alcuna attivitaÌ€ che non sia legata alle giornate di corse, o ad eventi equestri: è necessario modificare la convenzione, permettendo cosiÌ€ di estendere le tipologie di attivitaÌ€ consentite: ad esempio convegni (l’ippodromo è dotato di sale enormi, moderne e bellissime), fiere e mostre, spettacoli, altre attivitaÌ€ sportive compatibili. E la vicinanza con il Parco naturale di Montioni potrebbe far diventare l'Ippodromo dei Pini una vera “porta del parco” da cui iniziare percorsi a piedi, in mountain-bike e a cavallo, con la possibilità di utilizzare le strutture del centro ippico anche come biglietterie e punti ristoro.

Il Parco centrale, così com'è, non è pienamente fruibile nell'accezione di grande opera che era nata quando il progetto è stato concepito e poi stravolto: si riduce a un'area che si anima solo il venerdì mattina nel giorno di mercato e in primavera, quando le temperature sono miti. Per riqualificarlo occorre partire da un nuovo progetto botanico che doti l'area delle essenze arboree più adatte a renderlo davvero un parco. Occorre agire anche sulle infrastrutture in dotazione: anziché contribuire economicamente per affittare un palco da installare ogni estate ai piedi della grande arena per gli spettacoli, la nuova Amministrazione comunale investirà per acquistare una struttura fissa, coperta, che possa essere sede di eventi anche negli altri mesi dell'anno. Da studiare anche un nuovo utilizzo per gli edifici delle vecchie scuderie, attualmente abbandonati: potrebbero servire come sede del nuovo servizio di bike-sharing.

Il destino del Parco centrale è legato anche alla realizzazione del nuovo Polo scolastico, che ospiterà le scuole medie: la nuova Amministrazione comunale darà seguito all'iter avviato dall'amministrazione uscente con il reperimento delle risorse, a partire dalla progettazione. Il nuovo polo (la proposta di trasferire solo le scuole medie era stata a suo tempo del centrodestra, mentre il centrosinistra in passato voleva trasferire anche le elementari) dovrà avere una viabilità di servizio adeguata, per non appensantire i flussi di traffico nelle ore di punta di entrata e uscita degli studenti. La strategia prevede anche un progetto di destinazione degli edifici che attualmente sono sede delle scuole medie: per l'immobile di via Gorizia la strada prioritaria da seguire è una concessione a privati con destinazione turistico-commerciale, mentre l'edificio dell'Ilva resterà di proprietà del Comune e diventerà – dopo un'adeguata ristrutturazione – la Casa delle associazioni. La vecchia palestra retrostante la scuola va abbattuta per utilizzare lo spazio come area di sosta. Più in generale, si impone un piano di verifica e messa in sicurezza di tutti gli edifici scolastici comunali esistenti a Follonica, alcuni dei quali in pessime condizioni.

Priorità della nuova Amministrazione comunale sarà anche quella di provvedere a una mappatura delle condizioni di strade e marciapiedi, delle barriere architettoniche e dei tombini, per superare la logica degli interventi di ordinaria amministrazione e intervenire dove necessario. Identica mappatura sarà attuata in particolare anche sugli edifici pericolanti e fatiscenti lungo via Roma. Sarà riqualificata, con un progetto ad hoc, anche l'area del vecchio depuratore, altra ferita aperta nel cuore dell'Ilva, alle porte del centro cittadino.

Tra le altre grandi opere di cui necessita Follonica non può mancare un sovrappasso o comunque una via diretta di comunicazione tra Capannino e Cassarello, due zone senza collegamenti ma vicinissime in linea d'aria, anche per aprire una via di fuga in caso di allagamenti e blocco di altre entrate o uscite.

Tutto questo senza trascurare la piccola manutenzione ordinaria, comunque indispensabile: a questo scopo la nuova Amministrazione comunale costituirà varie squadre di operai specializzati nel pronto intervento, da reperire ottimizzando l'organico municipale e recuperando almeno sei unità da destinare al servizio.

Un piano del decoro verrà definito per le caratteristiche ”baracche” sul mare del litorale follonichese, finora lasciate all'autarchia dei proprietari, cui mai è stato imposto di rispettare una disciplina uniforme per tutta la costa. Inoltre dovranno essere resi liberi e fruibili tutti i passaggi tra le “baracche”, in modo da consentire a tutti di raggiungere la spiaggia.

Follonica smart-city non può prescindere da una rete wi-fi pubblica e gratuita per tutta la città.


8 - L'economia / un'economia al massimo!

L'economia follonichese è in gran parte legata al turismo, che dà da vivere (direttamente e indirettamente) a tante famiglie. Per questo, come già detto, il comparto necessita di una gestione attenta in merito alle politiche di marketing, a un'idea strategica volta a favorire gli spazi per gli insediamenti alberghieri di alta qualità e alla formazione di forza lavoro, rendendo il turismo un settore economico forte, attivo per tutti i mesi dell'anno, in grado di assicurare più occupati, non solo stagionali. Nè però si può trascurare l'esistente, cioè un mercato fatto principalmente di seconde case: a questo proposito è indispensabile un capillare controllo delle utenze per far venire alla luce l'economia sommersa e combattere senza tregua l'evasione.

Ma sarebbe un errore sottovalutare gli altri comparti, dall'artigianato all'industria, colpiti dalla crisi quanto e più del turismo: l'Osservatorio permanente che verrà istituito dall'Amministrazione comunale, aperto alle associazioni di categoria e ai sindacati, servirà proprio per concertare la definizione e l'attuazione di misure efficaci che coinvolgano i vari comparti economici. L'azione della nuova amministrazione sarà rivolta a garantire tutte le agevolazioni possibili – per quanto riguarda i tributi di competenza comunale – alle imprese che investono, assumono, producono meno rifiuti e impiegano energia da fonti rinnovabili, premiando il merito degli imprenditori. Sull'altro fronte, tolleranza zero nei confronti di chi opera in concorrenza sleale, senza rispettare le regole: la priorità è difendere le attività commerciali e artigiane oneste, combattendo ogni forma di abusivismo e perseguendo con severità chi non rispetta le norme.

Particolare attenzione sarà riservata alla zona artigianale di Follonica, area penalizzata da isolamento e degrado, sede di tante piccole e medie attività (anche di somministrazione e di commercio al dettaglio) che rappresentano uno dei motori dell'economia cittadina: un'area cui devono essere garantiti sicurezza e decoro costanti, all'altezza di potenzialità finora non sfruttate.

Massima tutela anche per le attività commerciali che hanno sede al Mercato coperto di piazza XXIV Maggio: la nuova amministrazione, d'intesa con le associazioni di categoria e i singoli commercianti, si impegna a cambiare nome alla struttura (Mercato comunale) e a sostenerne le attività con vari progetti, a partire da una nuova regolamentazione della sosta a pagamento nel piazzale antistante la struttura, che garantisca la più ampia rotazione della clientela. Attraverso un'attenta analisi dei costi di gestione della struttura, sarà fatto quanto possibile per ridurre i costi a carico dei commercianti.

Impegno alla riorganizzazione anche per il mercato settimanale che attualmente ha sede al Parco centrale: l'operato della nuova amministrazione comunale partirà da un confronto costante con gli operatori e le loro associazioni di categoria, per concordare le modalità di una nuova sistemazione delle postazioni o – se necessario – di un nuovo trasferimento.

Da rivitalizzare anche il centro commerciale di via Nenni nel quartiere 167 Ovest, desertificato in gran parte a causa di una politica poco lungimirante e dagli impegni mai mantenuti dalle amministrazioni di centrosinistra che si sono succedute: lo strumento sarà quello degli accordi con imprenditori privati per favorire l'insediamento di nuove attività. Così facendo si ridarà nuova vita anche al quartiere, attualmente privo di tanti servizi essenziali.


9 - Le risorse / il massimo delle risorse!

Il reperimento di risorse economiche dev'essere una delle attività principali di un'amministrazione comunale efficiente, considerando i tagli che sempre più sono costrette a subire le casse comunali. Per questo una delle priorità della nuova amministrazione sarà quella di costituire a palazzo comunale un ufficio – dotato di personale e strutture adeguate allo scopo – dedicato unicamente ed espressamente a monitorare, intercettare e reperire risorse offerte da bandi nazionali e comunitari, per integrare i fondi a disposizione del Comune.

Un altro strumento per reperire risorse sarà quello di concedere a sponsor privati il diritto di dare il loro nome agli impianti sportivi follonichesi (naming rights), mantenendo accanto a questo la denominazione originaria, riprendendo l'esperienza già attuata con successo in tante città italiane.

All'amministrazione comunale serve un piano strategico di spesa, per evitare gli sprechi.

E le (poche) risorse esistenti, ovviamente, non vanno sprecate: l'introito derivante dalla tassa di soggiorno, ad esempio, va reinvestito in modo più produttivo, così come previsto dalla legge, per la promozione turistica. Per questo è opportuno migliorare e rafforzare l'utilizzo dell'Osservatorio turistico di destinazione, anche ampliando il numero dei soggetti partecipanti, insieme ai quali l'amministrazione dovrà decidere come investire il gettito derivante dalla tassa di soggiorno. Decisioni nelle quali sarà opportuno anche coinvolgere le associazioni di categoria, in modo che le imprese del turismo possano esprimersi in merito al reinvestimento di risorse che l'amministrazione incassa grazie a loro.

Allo stesso modo, occorre un serio censimento delle proprietà dell'intero patrimonio comunale (immobili, terreni e partecipate) per valutarne il valore e l'effettiva resa, in modo da prevedere – se necessario – destinazioni alternative o alienazione.

La nuova amministrazione inoltre si impegna a monitorare e valutare le attuali società partecipate di cui detiene quote, ponendo in primo piano l'interesse della collettività e i benefici che da esse derivano. Per le Farmacie comunali, attualmente azienda speciale, pur mantenendo la maggioranza pubblica, verrà valutata una forma di gestione alternativa che possa migliorare l'erogazione dei servizi, la patrimonializzazione dell'azienda e il suo sviluppo sul territorio.


10 - Sanita' e sociale / il massimo della salute!

La nuova amministrazione comunale proseguirà le battaglie condotte negli ultimi anni dai banchi della minoranza. Battaglie come quella sull'Ambulatorio pediatrico a Follonica, che ha raccolto ben settemila firme tra la popolazione, segno di come troppo spesso chi dirige servizi pubblici sia lontano dalle necessità dei cittadini. Aver introdotto il terzo pediatra in servizio in città, però, non basta: al Centro sanitario di Follonica occorre un vero servizio di primo soccorso per i più piccoli, in servizio tutti i giorni, soprattutto nel periodo estivo che vede Follonica quintuplicare il numero degli abitanti. Per questo la nuova amministrazione comunale si impegna a fare tutto quanto in suo potere, d'intesa con i vertici dell'azienda sanitaria, per favorire l'introduzione del nuovo servizio sanitario. Al Centro sanitario è una priorità anche il mantenimento quotidiano del servizio radiologia, anche nei giorni festivi.

Sarà istituito un Registro dei tumori, per monitorare la salute pubblica con dati scientifici.

Oltre alle azioni da concordare d'intesa con l'azienda sanitaria, però, è anche importante il ruolo che l'Amministrazione comunale può recitare in prima persona. Ad esempio facendosi promotore di azioni volte a prevenire ogni forma di dipendenza e devianza giovanile e a formare un'identità socio-culturale e civica, in collaborazione con gli istituti scolastici e le associazioni. Massima attenzione anche ai servizi educativi: occorre intervenire da subito affinché agli asili e alle scuole dell'infanzia si acceda solo in ragione delle condizioni familiari e non anche del reddito, aumentando i posti disponibili e conservando la tradizionale qualità degli asili comunali.

Massimo impegno della nuova amministrazione comunale nei settori della scuola e più in generale dell'istruzione. Le scuole cittadine sono rappresentate da due Istituti comprensivi, che comprendono le scuole dall’infanzia alle scuole medie (istruzione secondaria di primo grado), e un Istituto superiore che raccoglie indirizzi liceali, tecnici, professionali (istruzione secondaria di secondo grado). L’azione dell’amministrazione sarà finalizzata a favorire una positiva integrazione con le scuole cittadine, nel rispetto delle reciproche autonomie. Numerosi sono i progetti della nuova amministrazione comunale per la scuola: per la prevenzione dell’insuccesso scolastico l'amministrazione si impegna a trasferire risorse proprie e a reperire risorse economiche da soggetti terzi quali Regione, Fondazioni bancarie e soggetti privati, da impiegare nei progetti per la prevenzione dell'insuccesso scolastico e formativo. In particolare, il finanziamento attraverso i fondi regionali Pez (Progetti educativi zonali) sarà destinato a combattere la dispersione scolastica con il finanziamento dei progetti scelti in autonomia dagli Istituti scolastici. Per la promozione della cittadinanza consapevole l’amministrazione collaborerà con le scuole cittadine per progetti che dovranno rafforzare il senso civico e il rispetto della legalità da parte dei giovani, facendo maturare in loro la consapevolezza di appartenenza alla collettività. L’amministrazione collaborerà con le scuole cittadine per la promozione di progetti che riguardino la valorizzazione del merito tra gli studenti; l’economia del territorio (e del sistema Italia) ha bisogno di creatività e di competenze qualificate, e la scuola deve incontrare il territorio per creare un circolo virtuoso. Per la sicurezza e la manutenzione degli edifici scolastici, in attesa che venga costruito il nuovo edificio al Parco centrale, l’impegno dell’amministrazione sarà rivolto all’adeguamento e alla messa in sicurezza delle strutture, laddove se ne presenti la necessità, senza dimenticare l’ordinaria manutenzione, che deve consentire agli studenti e al personale della scuola di vivere, lavorare e studiare in ambienti curati e dignitosi. Nell'ente provinciale si terrà conto delle esigenze dell’Istituto superiore (Istruzione secondaria di secondo grado).

L'Università della libera età è ormai una tradizione consolidata negli anni: i corsi per adulti costituiscono una valida iniziativa culturale che dovrà continuare lo svolgimento dei suoi corsi, anche arricchiti di nuove tematiche. L’amministrazione comunale favorirà la presenza delle Università toscane a Follonica, per lo sviluppo di progetti qualificati, con finalità orientative e di arricchimento culturale, da destinarsi agli studenti degli Istituti superiori della zona e anche all’intera cittadinanza.

La formazione e riqualificazione degli adulti è da considerarsi una necessità in un mondo del lavoro, come quello attuale, in rapida e continua evoluzione. A Follonica i locali dell’ex Ipsia di viale Europa sono stati destinati dall’attuale amministrazione al Cpia, il Centro provinciale per l’istruzione degli adulti, e alle associazioni private. I locali, di proprietà del Comune, e fino ad ora gestiti dalla Provincia, necessitano di lavori di manutenzione, che sono stati finora trascurati, e che rimangono come pesante eredità alla nuova amministrazione.

Un'azione decisa è prevista anche per fronteggiare l'emergenza abitativa e garantire gli alloggi alle giovani coppie, tramite una revisione dei parametri regolamentari degli alloggi di edilizia pubblica, privilegiando i nuclei familiari con maggiore anzianità di residenza nel Comune di Follonica.

Un obiettivo dell'amministrazione comunale sarà anche quello di destinare spazi che si dovessero liberare nel corso del mandato – ad esempio le attuali scuole medie all'Ilva – alla realizzazione di una Casa delle associazioni, in cui ospitare le tante realtà cittadine impegnate in vari settori e che svolgono attività socialmente utili.


11 - Ambiente / un ambiente al massimo!

Tutti i cittadini di Follonica hanno diritto a un approvvigionamento di acqua potabile della stessa qualità. Per questo sarà fondamentale la collaborazione con l'Acquedotto del Fiora per limitare – per quanto possibile – il ricorso all'acqua dei pozzi per i quartieri periferici, grazie a progettualità studiate ad hoc. E in caso di problemi alla rete idrica, in particolare nel periodo estivo, dovrà essere assicurata una tempestiva informazione alle strutture turistiche e commerciali cittadine, provvedendo a sostenere l'intervento delle autocisterne.

Dopo decenni di fallimenti, compresa l'acclarata inutilità di un progetto attuato dopo una lunga attesa, è una priorità risolvere il problema degli allagamenti nei quartieri periferici, in particolare a Salciaina, penalizzata dalla conformazione del suolo, e non solo: è indispensabile un nuovo studio idraulico da commissionare ai principali esperti internazionali del settore, da attuare nei cinque anni del mandato, per rispondere alle legittime esigenze di residenti, turisti e operatori commerciali. Fondamentali saranno il controllo del sistema di filtraggio e la mappatura del sistema fognario e degli sbocchi a mare per evitare le esondazioni e gli insabbiamenti, che provocano – in particolare nel periodo estivo – miasmi nella zona centrale della città. È prioritario pure risolvere – dopo anni di proteste da parte dei cittadini – la piaga dei cattivi odori che ammorbano gli abitanti dei quartieri alla periferia est della città, in particolare Cassarello: la nuova amministrazione comunale, constatato il fallimento di ogni soluzione (o presunta tale) annunciata dalla giunta uscente, istituirà un gruppo di studio con tutti i soggetti potenzialmente interessati dal fenomeno, per arrivare a una risoluzione del disagio.

È prevista una revisione del sistema di raccolta differenziata porta a porta dei rifiuti, ancora non esteso a tutta la città, verificando le percentuali di raccolta e il rispetto degli standard europei: è una sperimentazione che altrove ha dimostrato con i fatti di non aver funzionato, oltre a non aver portato vantaggi economici ai cittadini. D'intesa con il gestore Sei Toscana, sarà valutata la possibilità di una raccolta differenziata migliore, introducendo anche a Follonica i cassonetti interrati, come già avviene in tante altre città d'Italia, che rappresentano una soluzione che garantisce più pulizia e più decoro, a maggior ragione indispensabili in una città turistica. Una razionalizzazione del costo relativo ai rifiuti permetterà anche una diminuzione della Tari a carico dei cittadini.

È indispensabile anche una revisione del progetto delle barriere sommerse anti-erosione, in funzione per lunghi tratti del Golfo: l'ascolto costante degli operatori del settore balneare, duramente colpiti dalle mareggiate anche nell'inverno appena trascorso, servirà a valutare – sempre d'intesa con gli enti competenti – l'eventuale necessità di un adeguamento del progetto. In particolare occorre approfondire la situazione creata dai lavori di protezione della costa nord, fino al confine con il Comune di Piombino.

Massima fermezza nel seguire la linea tracciata dall'amministrazione comunale uscente in merito all'assoluta contrarietà all'inceneritore di Scarlino Energia, impianto obsoleto e avulso dal nostro territorio, anche in mancanza di dati certi sulle conseguenze per la salute della popolazione esposta agli effetti delle emissioni e delle ricadute sul suolo. Ferma contrarietà anche all'ipotesi di un nuovo impianto di stoccaggio e trattamento rifiuti nella piana. Pieno sostegno all'attività del Comitato per il No all'inceneritore. Sul fronte della forza lavoro dell'impianto, grazie all'attività dell'Osservatorio permanente istituito con le associazioni di categoria e i sindacati, l'amministrazione comunale si farà promotrice di una politica volta alla ricollocazione dei dipendenti in esubero di Scarlino Energia nel settore delle bonifiche, coinvolgendo il Comune di Scarlino in merito al monitoraggio dei valori degli inquinanti della vicina piana del Casone, area che da troppo tempo è in attesa di un radicale intervento di risanamento.

La gestione del verde pubblico necessita di un deciso cambio di rotta: lo stato della pineta di Ponente, completamente spoglia di alberi per larghi tratti, è il simbolo di una cura inefficace di uno dei patrimoni più preziosi della città. Così come l'assoluta inadeguatezza delle piantumazioni scelte per il verde del Parco centrale. Si impone una revisione completa del progetto di rinascita del verde. E un'azione prioritaria: spostare altrove (magari in un'altra parte della stessa area) i giochi per bambini attualmente installati nella pineta di Ponente e inservibili per tante famiglie, private di un servizio essenziale, a causa dell'assoluta mancanza di ombra. In generale, il verde pubblico va considerato anche come arredo urbano capace di rendere una nuova immagine della città: obiettivo da raggiungere anche attraverso studi dedicati a un arredo urbano di qualità per Follonica.

Massimo impegno sarà destinato alla valorizzazione dell'area protetta del Parco di Montioni, area verde alle spalle della città con notevoli potenzialità turistiche, che Follonica potrà sfruttare – per quanto di propria competenza – anche grazie alla contiguità con l'Ippodromo dei Pini. Il centro ippico sarà sfruttato come “porta del parco” da impiegare nei percorsi a piedi, a cavallo e in mountain-bike, adattando parte delle strutture come biglietterie e punti ristoro.


12 - Gli animali / il massimo per gli animali!

Sempre più famiglie anche a Follonica vedono come componente inseparabile del proprio nucleo un animale domestico. Ecco il motivo per cui occorre realizzare per ciascun quartiere di Follonica un'area sgambatura ben attrezzata con percorsi agility, regolamentandone la gestione e affidandola a guppi di cittadini volontari.

Sarà impegno dell'amministrazione comunale anche l'istituzione dell'Ufficio dei diritti degli animali con portale web dedicato a varie aree tematiche (ad esempio: segnalazione di maltrattamenti, richieste di intervento per animali vaganti o feriti, smarrimenti e ritrovamenti) e l'attivazione di un numero telefonico dedicato.

Saranno stipulate convenzioni con ambulatori veterinari privati per garantire sterilizzazioni e cure a tariffa agevolata in base all'Isee. Massima attenzione anche all'incentivazione della pet therapy. Agevolazioni anche per chi adotta animali ospiti dei rifugi.

Nonostante l'impegno di numerosi volontari, le colonie feline e i gattili presenti in città manifestano un'evidente carenza di servizi e di attrezzature necessarie a prestare questo prezioso servizio verso gli animali: l'amministrazione comunale, insieme con l'Asl, si impegna a coprire tutte le spese necessarie alla sterilizzazione dei gatti per evitare il proliferare dei felini e contrastare i tanti episodi di avvelenamento e maltrattamento. In merito è necessario individuare al centro sanitario un locale dove prestare questi interventi.

Per il canile comprensoriale in località La Botte è necessario monitorare l'attuale gestione per rimuovere eventuali criticità.